MENU
Fondazione
Araldi
Guinetti
 
 
...per un mondo migliore! per un mondo migliore!

Consulta l'archivio News

< 1 2 3 4 5 6 >

Giugno 2016

La Fondazione conferma il suo impegno d'aiuto a favore del Servizio d'assistenza telefonica N. 143 del "Telefono Amico Ticino e Grigioni Italiano", con sede a Lugano, così come auspicato dalla Fondatrice, che già lo sosteneva in vita (vedi News dell'ottobre 2013). Esso è attivo da 45 anni ed è sempre più richiesto dalla popolazione della regione perché garantisce l'anonimato degli appellanti. Nel 2015 le chiamate (gratuite) per richieste d'aiuto sono state oltre 10'000, alle quali hanno dato seguito (tutti i giorni e 24 ore al giorno) 45 volontari/e adeguatamente formati. Da pochi mesi il Telefono Amico è impegnato su due nuovi fronti: la gestione del numero verde per il gioco d'azzardo e quello della nuova linea chat. Per chi volesse saperne di più: www.telefonoamico.143.ch

Maggio 2016

La Fondazione si rallegra per il successo del Master biennale dedicato alla lirica da camera italiana fra '800 e '900 da essa promosso presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano (si rimanda alle News del gennaio 2015). Ne è prova il successo che stanno riscontrando i concerti organizzati nel corso di questo mese presso il Museo del Novecento di Milano.
Dei concerti sono previsti anche in altre città, in Italia e all'estero, tra i quali a Lugano il prossimo 30 settembre.

Marzo 2016

Vista l'importanza culturale e sociale del progetto "Doppio Senso. Percorsi tattili alla Collezione Peggy Guggenheim" destinato ai non vedenti e ipovedenti e creato al Palazzo Venier dei Leoni nell'ambito della Peggy Guggenheim Collection di Venezia, la Fondazione decide di sostenerlo per i prossimi anni nell'ambito della sua collaborazione permanente con tale istituzione (si rimanda alle News del febbraio 2012).

Febbraio 2016

La Fondazione decide di sostenere in modo permanente il servizio d'informazione e di accoglienza dei migranti alla stazione di frontiera di Chiasso retto da Pro Filia Lugano e Chiasso.
Tale servizio, che opera in collaborazione con i servizi statali, è sempre più sollecitato soprattutto da parte di famiglie provenienti dagli Stati in guerra del Medio Oriente.

“Ricorderò per sempre la sua sonora risata, ogni volta che le raccontavo le mie avventure con i figli.”